immagini Procreazione Assistita

Prelievo degli ovociti con ovulazione naturale o indotta


L'ovulazione [indice]

A differenza dell'uomo i cui testicoli generano sempre nuovi spermatozoi, gli ovociti (gameti femminili detti anche "cellule uovo" o "oociti") non vengono generati dalla donna ma solo fatti maturare perchè il patrimonio ovulatorio della donna si forma alla nascita. Ogni ovocita resta allo stato primitivo, incapsulato in un follicolo, fino a che opportuni segnali ormonali inviati dall'ipotalamo e dall'ipofisi non gli comandano di maturare. Nella maggior parte dei casi matura un solo ovocita alla volta. Il follicolo stimolato dagli ormoni cresce di dimensioni e può arrivare a raggiungere un diametro di 25mm, mentre all'interno l'ovocita giunge a maturazione. Questa fase viene detta follicolare ed è caratterizzata da una produzione di estrogeni in quantità crescenti da parte dell'ovaio.

Attivata dagli ormoni prodotti dall'ovaio, la mucosa dell'utero (endometrio) inizia a modificarsi mentre il collo dell'utero secerne un muco abbondante e filante. Attorno al quindicesimo giorno del ciclo ovulatorio entra improvvisamente in circolo sanguigno una quantità molto elevata di ormone luteinizzante (LH) che porta a maturazione definitiva il follicolo. Dopo circa 36 ore dalla scarica di ormone luteinizzante, il follicolo si rompe liberando l'ovocita. L'ovocita in questa fase misura circa un quinto di millimetro.

Nell'ovaio, il follicolo rimasto vuoto si riempie di sangue e si trasforma nel corpo luteo che, nella seconda fase del ciclo ovarico (detta luteinica), produce il progesterone. Questo ormone genera un fisiologico aumento della temperatura basale della donna e induce importanti cambiamenti nell'endometrio per prepararlo ad accogliere un eventuale embrione.


Come si prelevano gli ovociti maturi? [indice]

Quando il follicolo si rompe e l'ovocita viene rilasciato, lo si raccoglie per via trans-vaginale, introducendo una sottile sonda di aspirazione che viene guidata con l'ausilio dell'immagine ecografica, all'interno dell'utero fino a raggiungere il liquido fuoriuscito dal follicolo che contiene l'ovocita. Viene effettuata una leggerissima anestesia locale in modo che la paziente non senta alcun dolore. L'operazione dura pochi minuti.


Ciclo Stimolato o ciclo naturale? [indice]

Se l'ovaio funziona correttamente, per prelevare l'ovocita per la successiva procreazione assistita, è possibile attendere che l'ovulazione avvenga spontaneamente oppure indurre una ovulazione abbondante, per ottenere più ovociti contemporaneamente. Assecondare il ciclo naturale dell'organismo appare la strada più logica ma purtroppo non sempre è praticabile. Se per una determinata paziente la probabilità dei suoi ovociti di venire fecondati è bassa, affidarsi al ciclo naturale, che permette di avere un solo ovocita al mese, porterebbe a tempi improponibili, sopratutto se la paziente non è più giovanissima.


Ciclo Stimolato [indice]

Nel caso si vogliano ottenere più ovociti contemporaneamente, si effettua una stimolazione ovarica, somministrando artificialmente un opportuno cocktail di ormoni (gonadotropine) dello stesso tipo si quelli che vengono spontaneamente prodotti dall'organismo. Con una dose ormonale opportuna, si può indurre la maturazione contemporanea di più follicoli e quindi nel prelievo si potranno recuperare più ovociti. Durante il trattamento ormonale si somministra un GmRH-antagonista per sospendere il processo di ovulazione spontanea che potrebbe sovrapporsi a quello indotto artificialmente causando scompensi ed errori nella valutazione dei tempi di prelievo. Il GmRH (Gonadotropin-Releasing Hormone) è l'ormone prodotto dall'ipotalamo che, controllando la secrezione ipofisaria delle due gonadotropine, FSH (ormone follicolo stimolante) e LH (ormone luteinizzante), regola il ciclo ovulatorio naturale.

Poichè il trattamento ormonale provoca un temporaneo scompenso dello stato della paziente il cui effetto è soggettivo. E' quindi molto importante che la quantità di gonadotropina venga opportunamente dosata e somministrata, per evitare il rischio di iperstimolazione ovarica. Specifici protocolli di trattamento vengono quindi preparati, su misura, per ogni paziente. Si distinguono tre protocolli: 'lungo', 'breve' e 'brevissimo', in funzione di come viene somministrato l'ormone GnRH-antagonista. L'uso dell'ormone GnRH-antagonista è molto recente e consente un minore impatto fisiologico nella tecnica della stimolazione ovarica, riducendo il rischio di iperstimolazione

Il trattamento farmacologico della stimolazione ovarica dura in genere 10-12 giorni e durante questo periodo la crescita dei follicoli viene costantemente monitorata attraverso indagini ecografiche agevolate dal fatto che i follicoli in fase di maturazione, come precedentemente già evidenziato, aumentano enormemente di volume. In questo periodo viene inoltre controllato il livello ormonale nel sangue di estradiolo, progesterone, e LH. Alla luce del monitaoraggio attento e costante il medico specialista è in grado di determinare la dose più appropriate di farmaci da somministrare.


Ciclo Naturale [indice]

Nella procreazione assistita, con l'espressione "ciclo naturale" si intende il prelievo dell'ovocita senza effettuare una stimolazione ovarica preliminare. Piuttosto che forzare l'ovulazione, si attende che l'ovocita giunga a maturazione spontaneamente nell'apparato riproduttivo femminile e venga rilasciato dall'ovaia nella fase di ovulazione, seguendo per l'appunto, l'evoluzione del ciclo naturale.

La tecnica del "ciclo naturale", se applicabile, presenta alcuni evidenti e non trascurabili vantaggi:

  • La donna non deve sottoporsi ad alcuna stimolazione ormonale, quindi si evita il rischio di iperstimolazione

  • E' una tecnica meno costosa di quella che prevede la stimolazione ovarica

  • Può essere ripetuta con una cadenza che dipende dalla durata del ciclo di ovulazione spontanea (mensilmente)

  • Non genera il rischio di gravidanza multipla dovuta all'impianto contemporaneo di più ovociti, anche se, ovviamente, rimane la possibilità piuttosto remota, come nelle gravidanze fisiologiche, di generare gemelli monozigoti in quanto tali gemelli derivano da un solo ovocita fecondato.




Indice ipertestuale del sito

Informazioni sulla Clinica, sul nostro staff e su Cipro

Informazioni sulle tecniche di fecondazione artificiale utilizzate

Leggi le ultime notizie dal mondo sulla fecondazione artificiale


Sito medico-scientifico del Centro IVF Pedieos
  Ti diamo il nostro benvenuto
  Avrò un bambino diverso dagli altri?
  Quando puoi chiedere il nostro aiuto?

Prelievo degli ovociti con ovulazione naturale o indotta
  L'ovulazione
  Come si prelevano gli ovociti maturi?
  Ciclo Stimolato o ciclo naturale?
  Ciclo Stimolato
  Ciclo Naturale

Come fare quando l'ovulazione non c'è e non può essere indotta?
  La tecnica IVM non richiede l'ovulazione
  Eventuale accesso al nostro programma di donazione degli ovociti

Prelievo degli spermatozoi nella procreazione assistita
  Eventuale accesso alla nostra banca dello sperma
  Come si prelevano gli spermatozoi?
  Azoospermia
  Analisi automatizzata dello sperma col software SCA

Tecniche di fecondazione
  Premesse
  Inseminazione intrauterina (IUI)
  Trasferimento tubarico di gameti (GIFT)
  Fecondazione in vitro classica (FIVET o IVF)
  Il metodo ICSI - microinseminazione

Diagnosi preimpianto e trasferimento dell'embrione nell'utero
  Premesse
  Trasferimenti tubarici di embrioni (TET) o di zigoti (ZIFT)
  La diagnosi preimpianto (PGD/PGS)

Fecondazione eterologa: ovodonazione e donazione dello sperma
  Ovodonazione (donazione degli ovociti)
  La percentuale di successo dell'ovodonazione
  Quali sono le candidate all'ovodonazione?
  Procedura di preparazione all'ovodonazione in Italia
  Procedura di ovodonazione presso la nostra clinica
  Procedura di abbinamento tra donatrice e ricevente
  Vuoi regalare la gioia della maternità ad una donna meno fortunata di te?
  Donazione dello sperma

La crioconservazione
  Il freddo ferma il tempo
  La vitrificazione

La banca dello sperma
  Dal 1982
  Criobanca privata
  Donatori di sperma
  Condizioni in cui si trova il seme decongelato

La Crioconservazione degli ovociti
  L'utilità della crioconservazione degli ovociti
  Chi può avvantaggiarsi della crioconservazione degli ovociti
  Percentuale di successo nella fecondazione di ovociti crioconservati

La crioconservazione degli embrioni
  L'utilità della crioconservazione degli embrioni
  Percentuale di successo nell'impianto di embrioni crioconservati


Pedieos I.V.F. Center
Procreazione Medicalmente Assistita

Anemomylos building, Office No. 201
8 Karaoli & Byron Corner
Nicosia 1095 Cipro

P.IVA: CY00417893I


Copyright © Pedieos IVF Center 2010-2011
Webdesigner: ProSee.it   

Valid HTML 4.01 Transitional

si prega di leggere:"disclaimer e privacy"
Una donna di 49 anni e 54 giorni ha dato alla luce, con parto cesareo, una bambina di 2850g nell'ottobre del 1990. L'ovocita fecondato è stato impiantato nell'utero della paziente sotto la supervisione del Dott. Trokoudes, Direttore del Centro di Procreazione Assistita Pedieos a Nicosia, Cipro. (Guinness Book of Records, 1992)

fecondazione_assistita_fluk

fecondazione_assistita_flgr

Procreazione Assistita Pedieos scrivici

Procreazione Assistita Pedieos torna alla pagina principale

fecondazione_assistita_menu


Se non vuoi spedire alcun messaggio
clicca sull'icona della busta barrata

Ricopia il numero 4521 nel riquadro (antispamming):

Indica il tuo nome se vuoi:

Indica il tuo indirizzo email:
(o quello a cui desideri ricevere la risposta)


Ripeti per favore il tuo indirizzo email:
(o quello a cui desideri ricevere la risposta)


Descrivi il tuo problema: